LogoEditoreMinisito_Rai.itLogoEditoreMinisito_RaiTv_2012
Storia della Radio






In evidenza

Microfono RCA 50 A

Read the Article (English Version)

Il microfono 50 A nato nel 1934, è il risultato di una continua ricerca e sviluppo verso la produzione di un microfono le cui caratteristiche sono l'alta qualità, l'elevata sensibilità, insensibilità agli urti e minimamente agli effetti del vento, compattezza e robustezza.

E’ un microfono a pressione del tipo a conduttore mobile. Un singolo conduttore in alluminio del diametro di 0,25 mm è rigidamente accoppiato ad una membrana e si trova tra i poli di un magnete permanente con la sua lunghezza perpendicolare alle linee di forza magnetiche.

Le estremità del conduttore sono collegate ad un trasformatore che adatta l'impedenza di linea a 250 o 50 ohm. Le onde sonore che raggiungono il diaframma fanno vibrare il conduttore all'interno del campo magnetico creato dal magnete. Le vibrazioni del conduttore sono proporzionali con le vibrazioni sonore e dato che questo è all'interno del campo magnetico, genera una corrispondente tensione variabile sul primario del trasformatore microfonico.

Queste piccoli tensioni variabili (modulazione audio) saranno successivamente amplificate

 

LE FIGURE ILLUSTRANO LO SMONTAGGIO PRIMA DEL RESTAURO DEL MICROFONO

 

La risposta in frequenza del microfono è uniforme su tutta la sua gamma di funzionamento utile da 60 a 10.000 Hertz. La variazione della caratteristica di risposta in frequenza con la direzione del suono incidente è molto simile a quella di qualsiasi altro microfono a pressione, in quanto si attenua la risposta alle frequenze più alte, al variare dell' angolo tra la direzione del suono incidente e il piano del diaframma .

Il microfono e il trasformatore microfonico sono racchiusi all'interno di un contenitore metallico robusto e sul retro è montato un connettore maschio da incasso per il fissaggio del cavo del microfono.

 

 

 

Il microfono è dotato di un coperchio frontale in metallo perforato che serve a proteggerlo da urti meccanici e dagli effetti negativi del vento.

Foto: Particolare del singolo conduttore in alluminio del diametro di 0,25 mm rigidamente accoppiato ad una membrana, tra i poli di un magnete permanente.

Trasformatore microfonico, adattatore di impedenza, posto all'interno del magnete permanente

 

 

 

TESTO TRATTO DAL MANUALE DI ISTRUZIONI

 

IL MICROFONO RESTAURATO

 

















Ringraziamenti:

- Prof. S. O. Countant (http://www.coutant.org/1.html) da cui abbiamo tratto con il loro permesso notizie su questo microfono

- L’ AIRE ( Associazione Italiana Radio d’Epoca di Torino) che ci ha fornito alcuni materiali e riprodotto la scritta EIAR.

- I colleghi RAI di Torino per la riprese audio e video e la “voce” del filmato: Angela Brusa


Articoli Correlati

Rai.it

Siti Rai online: 847